Prestiti con esito immediato? Come massimizzare la probabilità di erogazione?

241

Indice dei contenuti

Può capitare ad un certo punto della propria vita di aver bisogno di un finanziamento per poter realizzare i propri sogni e quei progetti che si è sempre dovuto accantonare per mancanza di tempo o di risorse. Se ad esempio si ha necessità di acquistare casa, o di cambiare automobile. Oppure bisogna rifare quella vecchia cucina nella casa in montagna, e al contempo bisogna prenotare le vacanze perchè l’estate è alle porte. In questi casi, se non si ha abbastanza liquidità, un prestito può essere la soluzione migliore.

Se stai cercando un prestito che abbia esito immediato, o vuoi sapere come massimizzare la probabilità di erogazione, sei nel posto giusto.

Il prestito

Hai bisogno di un prestito nel momento in cui non disponi di liquidità immediata per coprire una spesa urgente o una spesa programmata che si è resa impossibile a causa di sgradevoli inconveniente. Un prestito è un impegno economico e va saputo sostenere durante l’intera durata del contratto. Prima di sottoscrivere un accordo con un istituto bancario, quindi, bisogna accertarsi di non disporre di alternative più comode od immediate.

Inoltre, è bene sottoscrivere un prestito nel momento in cui ciò che si desidera comprare o raggiungere con l’ammontare della cifra ottenuta, rappresenti un’importante necessità.

Chi può richiedere un prestito

Non tutti però possono richiedere un prestito. Prima di recarti alla filiale bancaria più vicina o di iniziare l’operazione on line, è importante accertarsi di essere parte della categoria di persone che possono usufruire di questa possibilità finanziaria.

Può richiedere un prestito chi ha raggiunto la maggiore età. Inoltre, esiste anche una limitazione di anzianità. Infatti, la concessione finanziaria viene rilasciata se, alla scadenza del termine concordato per la restituzione, il soggetto il soggetto non avrà ancora compiuto settantacinque anni.

Inoltre, ovviamente bisognerà dimostrare di poter sostenere economicamente la restituzione del denaro che si è preso in prestito. Gli istituti bancari spesso chiedono a garanzia la documentazione della propria eventuale situazione lavorativa. Se si è lavoratori dipendenti o autonomi, direttori d’azienda o associati, la disponibilità della banca sarà infatti differente. E le condizioni contrattuali tendono a variare anche in base al tipo di contratto di cui si dispone. Un buon contratto indeterminato permetterà infatti di poter assicurare maggiori garanzie sulla restituzione del prestito. Di contro, un contratto determinato magari viziato da una breve scadenza, per l’istituto finanziario al quale ci si sta rivolgendo, può significare una non buona garanzia e quindi saranno propensi ad erogare una cifra inferiore a quella desiderata.

In sostanza, se si vuole un prestito con esito immediato, o si cerca di massimizzare la probabilità di erogazione, bisogna seguire delle semplici accortezze.

Un esito immediato

Se si vuole un esito immediato sono diverse le soluzioni che si possono portare a termine, e tra queste diventa sicuramente preponderante la possibilità di richiedere il prestito on line. Praticamente tutti gli istituti bancari, infatti, dispongono della possibilità di utilizzare una piattaforma in rete nella quale poter agire più velocemente e richiedere quindi il prestito.

Per richiedere un prestito on line, bisognerà quindi seguire le operazioni suggerite sulla piattaforma apposita. Dopo aver compilato i moduli ed aver completato le necessarie informazioni inerenti ai dati, ai nominativi e ai documenti principali. Al termine di questa prima fase si verrà messi in contatto con un operatore che si occuperà di verificare i dati e le documentazioni fornite, per assicurarsi siano corrette e che si possa agilmente passare allo step successivo.

Nell’ultimo step infatti si svolgerà l’analisi delle garanzie. L’istituto di credito al quale ci si è rivolti tramite la piattaforma on line, si occuperà di verificare in base alla busta paga e al reddito annuo forniti, di proporre la migliore offerta possibile.

In pochi giorni

Tramite la procedura sulle piattaforme on line, quindi, è possibile mettersi in contatto con la filiale dell’istituto di credito selezionata in brevissimo tempo. Ciò porterà a una risposta immediata e ad un dialogo tra le parti che impiegherà poco tempo a decollare. In questa maniera sarà facile e veloce mettersi in contatto con la banca desiderata, ed avere una contro proposta di qualità.

Se si ha bisogno di liquidità immediata e si vuole subito poter disporre di un consulto con un istituto di credito, la soluzione di utilizzare le piattaforme on line può essere la più giusta. Sia per la facilità di utilizzo, sempre immediata e pronta siccome si svolge on line. Sia perchè si potrà, nel giro di poche ore, avere a disposizione un esito ed un eventuale preventivo dei costi.

Ed è proprio quest’ultima la principale possibilità data dall’utilizzo delle piattaforme on line. La risposta infatti sarà celere e sempre professionale proprio come se ci recassimo di persona alla filiale dell’istituto di credito.

Nel caso la proposta di prestito venga accettata, i soldi saranno accreditati sul proprio conto corrente nel giro di poche ore. Si potrà così, all’interno di un arco di tempo stimato a partire dai due fino a cinque giorni lavorativi.

Se si sta cercando una soluzione veloce ed efficace, quindi, la richiesta di prestito perpetrata on line, è sicuramente una valida soluzione da tenere in considerazione.

Quali sono i requisiti necessari

Cosa si deve possedere per poter richiedere un prestito ad un istituto finanziario, ed avere la certezza che non venga rigettato o respinto?

Abbiamo già parlato nello specifico dei lavoratori dipendenti, che per essere riconosciuti idonei ad un prestito bancario, devono per forza di cose presentare la busta paga ed il certificato di stipendio.

I liberi professionisti e gli artigiani, invece, devono fornire all’istituto di credito al quale ci si rivolge, il certificato di iscrizione all’albo professionale: la domanda di prestito sarà ancora più completa e quindi avrà maggiore possibilità di essere accolta nel caso si presenti il certificato di iscrizione all’albo professionale o alla camera di commercio competente.

I pensionati, invece, sono più agevolati. Gli basterà presentare una documentazione più esigua, siccome, rispetto agli cittadini, la presentazione del solo cedolino della pensione all’istituto di credito, gli basterà per potersi presentare interlocutori credibili e di spessore nel momento del prestito.

Ma rispetto ai pensionati, la strada è più tortuosa per i lavoratori atipici. Questi ultimi, vivendo una situazione lavorativa particolare e difficilmente catalogabile, avranno bisogno di un’ingente mole di documentazione. Nel caso si appartenga a questa categoria, però, non bisogna scoraggiarsi: le soluzioni comunque esistono. Sarà infatti necessario dimostrare il proprio reddito tramite il modello 730. E’ inoltre possibile presentare il Modello Unico, e nel caso si possieda, anche portare il CUD può essere il documento giusto per dimostrarsi validi interlocutori.

Come ci valuta un istituto di credito?

L’istituto di credito ha criteri oggettivi e schematici attraverso i quali valuta l’affidabilità di un interlocutore che si appresta a domandare la disponibilità per un prestito.

Per istituto bancario al quale ci si rivolge, infatti, sarà molto importante la valutazione finale del credit score che ci verrà assegnato: il credit score un sistema di valutazioni attraverso il quale si affibbia all’interlocutore una data affidabilità creditizia sulla quale basare o meno la concessione del prestito.

Il credit score viene composto da tanti elementi. I principali sono i dati anagrafici, che vengono forniti al momento della compilazione dei dati. Le banche dati private, invece, aiutano a fornire in maniera completa ed ordinata, i dettagli sui prestiti di importo più contenuto. In questo modo, nel caso si abbia già richiesto un prestito presso un ente diverso la banca quindi lo verrà a sapere e potrà monitorare e valutare l’esito di quel vecchio accordo: lo storico in questo caso è importante, e se vi siete sempre dimostrati ligi nel rispettare gli accordi, sarà molto più facile ottenere un nuovo prestito.

E’ inutile molto importante il rapporto rata-reddito che si può garantire. Infatti, più si ha un reddito alto, più in fretta si potrà restituire il prestito perchè si potrà garantire un maggiore flusso economico. Il rapporto rata-reddito è dunque un altro elemento chiave. Indicativamente questa cifra economica non deve poter superare il 30-35% del reddito.

Valutazioni

Esistono vari modi per assicurarsi che l’istituto di credito al quale ci si rivolge accetti la nostra proposta di credito. Generalmente, quindi, se si ha uno storico pulito ed ordinato, e si è in possesso della giusta documentazione, ottenere un prestito può essere un’operazione facile e quanto più immediata. Completando l’operazione on line, infatti, in meno di una settimana si potrà disporre dell’accredito e quindi godere del prestito con comodità e velocità, senza aver rischiato più del necessario di non riuscire ad ottenere la cifra desiderata.